Dump e restore

Aggiornamento del fuss-server via dump e restore

A partire dalla versione 8.0.48 e 10.0.28 del fuss-server sono stati predisposti gli strumenti necessari ed una procedura che consente di eseguire il dump di un server FUSS8 e ripristinarlo su un server FUSS10, per poter consentire il passaggio da FUSS 8 a FUSS 10 mantenendo la gran parte dei dati presenti sul server di partenza.

Operazioni di dump sul server originario (FUSS8)

La procedura prevede che si effettui un backup completo delle home degli utenti sul server (che deve comprendere oltre a /home qualunque altra directory in cui queste possono essere state inserite), da cui poi ripristinare i dati. Si darà per scontato che questo sia stato fatto con il programma fuss-backup e che il ripristino delle /home avvenga con questo programma (il ripristino dei dati delle home può essere fatto in un secondo tempo).

Il primo passo della procedura è eseguire lo script /usr/share/fuss-server/scripts/fuss-dump.sh sul server di partenza (si assume che sia un FUSS 8), questo creerà un file fuss-server-dump-$DATA.tgz nella directory corrente con i dati necessari al ripristino, che dovrà essere copiato a destinazione sul nuovo server (i dati dell’archivio restano comunque salvati anche nel server originale sotto /var/backups/fuss-dump).

Operazioni sul nuovo server (FUSS10)

Occorrerà poi installare il sistema operativo sul nuovo server, e configurarne la rete; è opportuno usare lo stesso hostname del server precedente; cambiarlo potrebbe infatti dare luogo ad inconvenienti relativi a nomi rimasti in cache sui client, quindi è meglio mantenere sempre lo stesso hostname. Inoltre se sul vecchio server si stanno usando le quote disco, occorrerà che queste siano abilitate anche sul nuovo.

Avvertimento

La procedura di dump e quella di restore assume che le quote siano attive al massimo su un solo filesystem, come normale su un fuss-server, questo viene ricavato da /etc/fstab cercando le opzioni di montaggio usrquota e grpquota, che devono essere attive su un solo filesystem (non è necessario sia lo stesso fra macchina originale e nuova macchina).

Per poter utilizzare il ripristino occorre installare il nuovo server FUSS10 normalmente, con fuss-server create, mantenendo però identici il dominio, la master password ed il workgroup. É opportuno mantenere anche la stessa rete interna ed il range del DHCP, dato che alcuni dati (in particolare le impostazioni del firewall e le reservation statiche) possono dipendere da queste impostazioni.

Pertanto prima dell’esecuzione di fuss-server create è opportuno copiarsi i dati della configurazione del server di partenza (il file /etc/fuss-server/fuss-server.yaml, che viene comunque anche incluso nell’archivo prodotto dallo script di dump come fuss-server.yaml.old) e modificare soltanto le voci external_ifaces: e internal_ifaces: che possono essere cambiate (come avviene nel passaggio da Jessie a Buster), adattandole al nuovo server nel caso sia necessario.

Si possono comunque estrarre i dati dal dump che è un semplice tar compresso con:

tar -xvzf fuss-server-dump-$DATA.tgz

ed il file di configurazione del fuss server precedente sarà in fuss-dump/fuss-server.yaml.old.

Una volta completata la configurazione di base del fuss-server occorrerà copiarvi il file con il dump dei dati, ed eseguire lo script di restore con:

/usr/share/fuss-server/scripts/fuss-restore.sh fuss-server-dump-$DATA.tgz

lo script una volta scompattato l’archivio nella sottodirectory fuss-dump (sovrascriverà eventuali file omonimi contenuti) fermerà tutti i servizi, reimporterà i dati, e poi li riavvierà.

Dato che i dati di NFS/Kerberos possono risentire di caching da parte del server (che gira nel kernel) può essere opportuno riavviare il server dopo aver eseguito il restore.

A questo punto gli utenti e le configurazioni dei servizi saranno stati reimportati, ma resterà da ripristinare il contenuto delle home degli utenti, operazione da fare con le istruzioni date per l’uso di fuss-backup.

Avvertimento

Il nuovo server, essendo stato reinstallato, avrà delle chiavi SSH diverse dal vecchio, pertanto collegandosi dai client si potranno avere degli errori di mancato riconoscimento delle fingerprint SSH del server dovuti a questo cambiamento. Occorrerà cancellare le vecchie chiavi ed accettare le fingerprint delle nuove chiavi (si abbia cura di segnarsele in fase di reinstallazione).