L’interfaccia di gestione di OctoNet

Architettura

Servizi necessari al funzionamento

Per poter utilizzare l’interfaccia di gestione di OctoNet, occorre che sia attiva tutta l’infrastruttura di gestione Octofuss) fornita del Fuss Server, che prevede la presenza dei seguenti tre servizi (gestiti con systemd e lanciati all’avvio del server):

  • octofussd: demone di gestione dell’infrastruttura di gestione Octofuss (verificabile con systemctl status octofussd)
  • octonet: servizio che fornisce l’interfaccia web di OctoNet (verificabile con systemctl status octonet)
  • octofuss-client: demone di controllo della macchina locale, da installare anche sul server (verificabile con systemctl status octofuss-client)

Accesso all’interfaccia web

Il Fuss Server fornisce l’interfaccia di gestione via web OctoNet, cui si accede tramite browser.

Sul server stesso si può accedere usando l’indirizzo http://localhost:13402; dato che l’accesso è fornito senza cifratura non è sicuro collegarvisi direttamente da altre macchine, ma si può usare un tunnel SSH: su un terminale da un qualunque client della rete interna eseguire:

ssh sshuser@proxy -L 13402:localhost:13402

dove sshuser è un qualunque utente con accesso SSH sul server (cioè facente parte del gruppo sshaccess). Una volta collegati in console, si potrà accedere all’interfaccia web usando un browser sul client puntandolo all’indirizzo http://localhost:13402, dove si otterrà la seguente schermata di accesso:

_images/browser-to-octonet-login.png

Con l’installazione del Fuss Server viene creato un accesso di default con username root e password uguale alla master password impostata durante l’esecuzione del comando fuss-server create (le utenze sono interne al servizio octofussd non hanno nulla a che fare con quelle di sistema). Una volta effettuato l’accesso si otterrà una pagina come la seguente:

_images/browser-to-octonet-justlogged.png

Nella pagina è disponibile, nella colonna sulla sinistra, il menu delle diverse funzionalità di gestione fornite da OctoNet. Si tenga presente che il menu è dinamico e mostra le diverse funzionalità solo quando queste sono disponibili (se ad esempio non sono state abilitate le quote disco, la relativa voce non sarà presente).

La barra in alto riporta a destra un menù utente che consente di scollegarsi, ed alla sua sinistra un menu di scelta della lingua (sono disponibili inglese, italiano e tedesco). Nel seguito faremo riferimento alla versione in italiano.

L’interfaccia a riga di comando octofussctl

L’infrastruttura di Octofuss mette a disposizione un tool a riga di comando, octofussctl, che consente di effettuare le operazioni di gestione in forma scriptabile.

Il comando richiede le stesse credenziali di accesso utilizzate per OctoNet, e fornisce sia una linea di comando interattiva, che la possibilità di eseguire operazioni in batch (scrivendo i relativi comandi all’interno di un file di testo da passare al comando con l’opzione -b).

Per l’accesso occorre indicare la URL che identifica il server, nella forma:

octofussctl http://localhost:13400/conf

si può indicare l’utente con l’opzione -u (o con la variabile di ambiente OCTOFUSS_USER) mentre la password, se non indicata nella variabile di ambiente OCTOFUSS_PASSWORD, viene richiesta sul terminale. Le credenziali sono le stesse che si usano per OctoNet (e si applica quanto detto in precedenza).

I comandi disponibili all’interno della shell di octofussctl sono elencati dal comando help, ed il relativo funzionamento con help comando.

Con octofussctl diventa possibile automatizzare alcune operazioni che diventerebbero molto macchinose da eseguire attraverso l’interfaccia web; ad esempio qualora si volessero cancellare tutti gli utenti di un gruppo (l’interfaccia web consente di rimuoverli da un gruppo, ma non di cancellarli), si potrebbe usare il comando delete in un ciclo come:

export OCTOFUSS_PASSWORD=password
export OCTOFUSS_USER=root
for i in $(members gruppo); do
  octofussctl http://localhost:13400/conf delete /users/users/$i
done

Gestione Utenti e Gruppi

Si può accedere alla gestione utenti di OctoNet attraverso la voce Utenti e Gruppi che abilita sulla barra superiore (sulla sinistra) un menu omonimo da cui accedere alle altre pagine.

_images/browser-to-octonet-user-group-menu.png

Visualizzazione utenti

Una volta selezionata la gestione utenti si viene portati sulla pagina di gestione degli utenti (corrispondente alla voce Tutti gli utenti del suddetto menu).

_images/browser-to-octonet-user-list.png

La pagina visualizza una tabella con tutti gli utenti creati sul server (solo quelli gestiti in maniera centralizzata attraverso il servizio LDAP), due di questi, admin e nobody sono utenti di servizio sempre presenti che non devono essere modificati (sono disabilitati, e per questo contraddistinti da una crocetta rossa).

Si può cambiare il numero di utenti visualizzati selezionando una delle possibilità nel menu a tendina Visualizza sulla sinistra o eseguire una ricerca sul nome utente inserendo una stringa nel campo Cerca.

Cliccando sul link con il nome utente in seconda colonna o sul pulsante modifica sulla riga dello stesso, è possibile accedere alla pagina di gestione dell’utente stesso:

_images/browser-to-octonet-user-admin-edit.png

Gestione gruppi

Si tenga conto che prima di creare un utente, se si vuole che questo sia assegnato ad un qualche gruppo specifico, occorre che quest’ultimo esista. L’elenco dei gruppi di ottiene dal menu Utenti e Gruppi -> Tutti i gruppi, alcuni di questi sono automaticamente definiti (ad uso di Samba) all’installazione del Fuss Server, e sono quelli mostrati nella pagina seguente:

_images/browser-to-octonet-groups-initial.png

Da questa pagina si può aggiungere un nuovo gruppo con il pulsante Crea nuovo gruppo o selezionando la stessa funzionalità dal menu Utenti e Gruppi, si otterrà la pagina di creazione:

_images/browser-to-octonet-group-create.png

in cui occorre inserire il nome del gruppo (che deve essere indicato usando solo lettere minuscole e numeri, senza spazi o altri caratteri di interpunzione). Una volta creato il gruppo si verrà riportati nella pagina dello stesso, che ne elenca i membri (all’inizio nessuno):

_images/browser-to-octonet-group-initiallist.png

É opportuno creare un gruppo per ogni classe che si vuole definire, ed eventuali altri gruppo per tipologia di utenti (tecnici, segreteria, docenti, ecc.). Ma si tenga conto che il gruppo docenti (o qualunque gruppo il cui nome inizi per docent) ha un ruolo speciale per la gestione della scadenza delle password secondo le normative della privacy, ed è riservato alle utenze degli insegnanti.

Una volta che si sia creato un gruppo questo potrà essere usato nelle pagine di gestione o creazione degli utenti, e questi vi potranno essere inseriti o tolti. Inoltre premendo sul pulsante Modifica in alto a destra si passerà alla pagina di gestione del gruppo:

_images/browser-to-octonet-group-edit.png

I membri presenti sono presenti sono illustrati nella casella di testo Membri come pulsanti, e possono essere tolti dal gruppo cliccando sulla crocetta nel pulsante, cliccando invece nell’area vuota verrà presentato un menu a tendina con gli utenti disponibile con cui è possibile aggiungere nuovi membri al gruppo. Una volta completate le modifiche si dovranno salvare con il pulsante Salva.

Ulteriori operazioni sono possibili con i pulsanti a destra, in tal caso l’applicazione è immediata ed una volta effettuata l’operazione si viene riportati nella pagina del gruppo; le operazioni sono:

  • con Aggiungi gruppo è possibile aggiungere tutti gli utenti del gruppo corrente ad un altro gruppo, selezionato dal menu a tendina sovrastante;
  • è possibile rimuovere in un colpo solo tutti gli utenti dal gruppo con il pulsante Rimuovi tutti gli utenti;
  • è possibile aggiungere in blocco dei Permessi a tutti gli utenti del gruppo con il pulsante Aggiungi permesso, selezionando quale permesso dal menu a tendina soprastante;
  • analogamente con il pulsante Aggiungi permesso si potrà rimuovere un permesso, sempre da selezionare dal menu a tendina soprastante, a tutti gli utenti del gruppo.

Creazione e gestione utente singolo

Una volta che si sono creati i gruppi necessari per creare un utente occorre selezionare la voce Utenti e Gruppi -> Crea utente dal menu di gestione Utenti e Gruppi che porta nella pagina di creazione illustrata di seguito:

_images/browser-to-octonet-user-create-empty.png

In questo caso occorrerà specificare anzitutto un nome utente, di nuovo occorre indicare lo stesso utilizzando solo lettere minuscole e numeri, senza spazi o altri caratteri di interpunzione, nello scriverlo verrà avvalorato automaticamente il campo della Directory Home con il default (che è sempre /home/nomeutente). Se l’utente è uno studente è opportuno indicare come Gruppo Primario quello corrispondente alla sua classe, ed indicarne il nome completo (qui si possono usare maiuscole e spazi) nel campo omonimo.

I campi Shell predefinita, Gruppo Controllore e Directory Home si possono lasciare al default; eventualmente si può modificare quest’ultima se si è deciso di suddividere le home degli studenti per classe, usando un percorso del tipo /home/studenti/nomeclasse/nomestudente.

La password deve esser immessa due volte (uguale nei campi Password e Conferma). Eventuali ulteriori gruppi di cui si vuole l’utente faccia parte vanno indicati nel campo Gruppi (cliccando all’interno vengono mostrati in una tendina quelli che corrispondono al testo immesso).

Il campo Permessi serve a controllare i permessi che verranno assegnati all’utente perché questo possa utilizzare le relative funzionalità quando si collega su un client. Questi corrispondono ad altrettanti gruppi locali dei client nel quale l’utente verrà automaticamente inserito (si tenga conto però che questo non è immediato, occorre che il client sia acceso e si sincronizzi con il server, per cui possono, nella peggiore delle ipotesi, passare anche 5 minuti perché questo avvenga).

Inoltre, perché venga abilitata la navigazione su internet è necessario che venga rinnovata la cache di nscd: per forzare un aggiornamento si può usare la voce Propaga i permessi di accesso alla rete nel menù Utenti e Gruppi.

_images/browser-to-octonet-user-create-filled.png

Il default propone i permessi per l’accesso alla scheda sonora, ai dispositivi rimuovibili, allo scanner, ad internet ed al CDROM, secondo l’elenco in tabella.

Permesso Significato
plugdev Può utilizzare dispositivi rimuovibili (chiavette USB, ecc.)
cdrom Ha accesso a CD e DVD
audio Può utilizzare i dispositivi audio (scheda sonora)
video Può usare dispositivi di registrazione video (ex. webcam)
internet Può navigare il web attraverso il proxy
scanner Può utilizzare uno scanner
lpadmin Può amministrare le stampanti

Cliccando sulla crocetta essi possono essere rimossi, cliccando nel campo viene mostrato un menu a tendina che mostra quelli disponibili, con quelli presenti in grigio, ed è possibile aggiungerne altri. Una volta premuto il pulsante Salva l’utente verrà creato e si verrà portati sulla relativa pagina di gestione:

_images/browser-to-octonet-user-student1-created.png

Si noti come l’utente, non essendo stato classificato come docente, riporti nella riga Unità il valore studente. Come accennato questo parametro viene gestito in modalità automatica sulla base del gruppo principale dell’utente, e determina le modalità con cui viene gestita la scadenza delle password, che non c’è per uno studente (che non tratta dati personali) mentre viene applicata per i docenti secondo i requisiti della normativa sulla privacy.

Nel caso si voglia creare un utente per un docente occorrerà allora utilizzare come gruppo principale (attenzione, gruppo principale, nella voce Gruppo primario e non in uno dei gruppi ausiliari indicati nella voce Gruppi) un gruppo il cui nome inizi con la stringa docent (è così possibile creare più gruppi per i docenti, per differenziare eventuali diritti di accesso, ad esempio per il Gruppo Controllore).

Un esempio è nella pagina seguente, dove oltre ad usare il gruppo docenti si assegna all’utente anche il privilegio lpadmin che consente di effettuare la gestione delle stampanti.

_images/browser-to-octonet-user-docente1-create.png

con l’utilizzo del gruppo docenti come gruppo principale il nuovo utente verrà classificato nella riga Unità come docente:

_images/browser-to-octonet-user-docente1-created.png

Una volta creato l’utente si potrà modificarne le impostazioni, disabilitarlo o eliminarlo cliccando sul pulsante Modifica della sua pagina di gestione:

_images/browser-to-octonet-user-student1-edit.png

Da questa pagina, oltre a cambiare le proprietà inserite in fase di creazione (tutte tranne il nome utente, che non può essere cambiato via OctoNet, se lo si è sbagliato si deve cancellare e creare da capo), sono possibili alcune ulteriori operazioni:

  1. si possono (quando sono state configurate ed abilitate) inserire le quote disco (nella sezione Modifica Quote) dell’utente
  2. si può cancellare l’utente con il pulsante Elimina utente; l’utente verrà cancellato e per non perdere eventuali suoi dati verrà creato un archivio username.tar.gz con il contenuto della sua home directory nella directory sotto cui questa si trovava
  3. si può disabilitare l’utente con il pulsante Disabilita utente, nel qual caso l’accesso dell’utente verrà disabilitato, l’utente verrà marcato come disabilitato nella lista degli utenti e nella sua pagina, ma il suo account resterà attivo e potrà essere riabilitato
  4. si può riabilitare un utente precedentemente disabilitato con il pulsante Abilita utente che compare al posto di quello Disabilita utente nella pagina di modifica quando l’utente è disabilitato.
_images/browser-to-octonet-user-student1-reenable.png

Gestione manuale di utenti e gruppi

Il modo migliore per gestire utenti è usare l’apposita interfaccia di octofuss che automatizza l’intera procedura minimizzando il rischio di errori, inoltre è l’unico che consente la gestione dei permessi degli utenti. Questi appunti sono utili nel caso sia invece necessario intervenire direttamente tramite gli smbldap-tools. Si da per assunto che siano invocati come root sul server.

È importante notare che per il corretto funzionamento della home sul fuss-server è necessario non solo gestire un utente LDAP/Samba, ma anche il relativo principal Kerberos, con la stessa password.

La creazione di un utente può essere realizzata con il comando:

smbldap-useradd -a -m nomeutente

a cui deve seguire l’impostazione di una password con il comando:

smbldap-passwd nomeutente

È quindi necessario impostare un principal Kerberos con la stessa password, tramite il comando @kadmin.local@:

kadmin.local << EOF
addprinc user@DOMINIO.LAN
pwd
pwd
EOF

Si tenga presente che con questi comandi non viene impostato il valore dell’attributo ou dell’utente che indica se questi è uno studente o un docente. Lo si può impostare manualmente usando il comando:

ldapvi '(uid=username)'

che apre un editor con il contenuto in formato LDIF dei dati dell’utente; aggiungendo la riga:

ou: studenti

agli attributi mostrati nell’editor si classificherà l’utente come studente.

Per cambiare la password dell’utente si può usare il comando visto sopra:

smbldap-passwd nomeutente

e successivamente aggiornare anche la password del principal Kerberos con kadmin.local:

kadmin.local << EOF
cpw user@DOMINIO.LAN
newpw
newpw
EOF

Per la creazione di un gruppo di utenti si può utilizzare il comando:

smbldap-groupadd -a nomegruppo

per aggiungere un utente ad un gruppo si può utilizzare il comando:

smbldap-groupmod  -m nomeutente nomegruppo

mentre per toglierlo:

smbldap-groupmod  -x nomeutente nomegruppo

Per disabilitare temporaneamente un utente si può usare il comando:

smbldap-usermod -I nomeutente

e per riabilitarlo:

smbldap-usermod -J nomeutente

Il gruppo controllore

Nella creazione di un utente la sua home sarà creata con permessi 0700 (cioè accessibile soltanto a lui) assegnando all’utente la proprietà della stessa, mentre per il gruppo proprietario verrà usato il gruppo preimpostato Domain Users, si avrà cioè nel caso dell’esempio precedente:

root@fussserver:~# ls -ld /home/studente1
drwx------ 2 studente1 Domain Users 4096 lug 23 18:22 /home/studente1

è possibile però fornire accesso al contenuto della home agli utenti facenti parte di un gruppo (detto per questo Gruppo controllore) da specificare nel campo omonimo della pagina di gestione dell’utente (ad esempio il gruppo docenti) cliccando sul quale si ottiene un menu a tendina sui gruppi disponibile (sui quali viene effettuata automaticamente una ricerca su quanto si scrive nel campo) da cui scegliere:

_images/browser-to-octonet-user-student1-controlgroupset.png

ed una volta impostato un gruppo controllore questo comparirà nella pagina dell’utente:

_images/browser-to-octonet-user-student1-controlled.png

ed i permessi della sua home verranno cambiati in 2770:

root@fussserver:~# ls -ld /home/studente1
drwxrws--- 2 studente1 docenti 4096 lug 23 18:22 /home/studente1

in questo modo il gruppo docenti avrà accesso in lettura e scrittura dei contenuti, ed i nuovi file e le directory saranno assegnati al gruppo stesso come gruppo proprietario.

Creazione utenti in massa

La funzionalità, prevalentemente fornita a scopo di test e per creare blocchi di utenti temporanei (ad esempio per accessi da fornire a esterni in una prova di esame) è accessibile dalla voce Creazione in massa del menu Utenti e gruppi e richiede di immettere un prefisso ed un numero di utenti da creare:

_images/browser-to-octonet-user-masscreate.png

gli utenti vengono creati ed automaticamente viene fatto scaricare un file (mass-created-users-AAAA-MM-GG.csv) in cui viene fornito l’elenco degli stessi e delle rispettive password che sono assegnata automaticamente.

Non esiste una funzionalità di cancellazione in massa, ma questa può essere realizzata in maniera relativamente veloce usando octofussctl da riga di comando con:

export OCTOFUSS_PASSWORD=password
echo ls users/users/test* \
  | octofussctl http://localhost:13400/conf -u root \
  | tail -n +2 | tr -d " />" \
  | sed -r 's|([a-z0-9]+)|delete users/users/\1|' \
  | octofussctl http://localhost:13400/conf -u root

che a differenza della cancellazione manuale con altri tool di gestione utenti, effettua la cancellazione come se la si fosse fatta da OctoNet, creando gli archivi con i file degli utenti.

Creazione utenti da file CSV

Una seconda funzionalità per creare in massa liste di utenti è quella dell’importazione da file CSV, che consente di preparare una lista in un file .csv.

Formato del file

Il formato CSV ha moltissime varianti, delle quali viene supportato un limitato sottoinsieme, per questo alcune precauzioni nella creazione del file CSV da usare per l’importazione, che deve avere queste caratteristiche:

  1. Encoding: l’encoding del file deve essere ASCII o UTF-8 senza BOM. Il BOM (Byte Order Mark) abbiamo visto creare problemi. Si può verificare che l’encoding sia corretto eseguendo il comando:

    $ file nomedelfile.csv
    

    e se il risultato è:

    nomedelfile.csv: UTF-8 Unicode (with BOM) text, with CRLF line
    terminators
    

    bisognerà convertirlo in questo modo:

    $ uconv nomedelfile.csv -t ASCII > nuovofile.csv
    

    e si potrà poi verificare che nuovofile.csv avrà il corretto encoding:

    nuovofile.csv: ASCII text, with CRLF line terminators
    
  2. Campi testuali: i campi devono essere in formato alfanumerico evitando caratteri di controllo come virgolette o apici, questo è necessario per nomi di utenti e gruppi, ma si applica anche per i nomi e per le password, per cui occorre limitare i caratteri di punteggiatura ed interpunzione.

  3. Coerenza del numero di colonne: Nel file tutte le righe dovranno avere lo stesso numero di campi. Ad esempio qui si vede la prima riga che contiene 4 campi, e la seconda 5:

    Mario,Rossi,mariorossi,mariorossipassword
    Lucia,Bianchi,luciabianchi,luciabianchipassword,campoaggiuntivo
    

    e anche questo non andrà bene; si tenga conto anche che una riga vuota, anche se messa in coda al file, viene considerata come con 0 campi (l’a capo sull’ultima riga non conta, ma non ve ne devono essere altri) per cui un file che ne contenga una non andrà bene per questo motivo).

  4. Formato del file: Il file non dovrebbe avere la prima riga di intestazione, ma tutte le righe dovrebbero essere relative agli utenti. Ad esempio un file che inizia così:

    Name,Surname,Username,Password
    Mario,Rossi,mariorossi,mariorossipassword
    Lucia,Bianchi,luciabianchi,luciabianchipassword
    

    non va bene, e bisognerà cancellare la prima riga in modo che il file inizi direttamente con le righe relative agli utenti. In questo caso il requisito non è stringente, in quanto l’interfaccia di importazione consente di escludere una eventuale riga di intestazione.

Dato che se il file da importare è molto grande esaminare la correttezza (in particolare per il terzo requisito) non è banale, dal menu Utenti e gruppi -> Verifica file CSV si può effettuare un controllo preventivo:

_images/browser-to-octonet-user-csv-verify.png

Dove viene richiesto di scegliere il file da controllare (si aprirà il selettore di file del desktop) e la riga in cui si è inserito l’username (verrà verificato che non vi siano doppioni), se ad esempio partiamo da un con una riga vuota file come:

utente,tre,utente3,pippo,classe2
docente,due,docente2,pippo,docenti

docente,tre,docente3,pippo,docenti

occorrerà indicare la colonna con l’username con il numero 3, ma contenendo questo una riga vuota otterremo:

_images/browser-to-octonet-user-csv-verify-numcolerr.png

invece avendo un file con un nome utente indicato due volte come:

utente,tre,utente3,pippo,classe2
docente,due,docente2,pippo,docenti
docente,tre,docente3,pippo,docenti
utente,quattro,utente4,pippo,classe1
studente,tre,studente3,pippo,classe1
studente,quattro,studente4,pippo,classe1
studente,cinque,studente5,pippo,classe1
studente,cinque,studente5,pippo,classe1

otterremo:

_images/browser-to-octonet-user-csv-verify-dupuser.png

mentre se il file è corretto (mettendo studente6 nell’ultima riga) otterremo:

_images/browser-to-octonet-user-csv-verify-ok.png

venendo rediretti automaticamente nella pagina di importazione dei file CSV.

Questo controllo è importante perché l’importazione inserisce un utente alla volta e si ferma in caso di errore, dopo di che non è immediato ricominciare da dove ci si era fermati.

Prerequisiti

Il controllo su Utenti e gruppi -> Verifica file CSV effettua solo un controllo di base di coerenza del contenuto del file, perché l’importazione finale abbia successo sono necessari una serie di ulteriori requisiti:

  • Eventuali gruppi primari o gruppi controllore indicati nel file dovranno già essere presenti nel sistema (bisognerà crearli prima sempre tramite OctoNet). In caso ne mancassero, il sistema darà un messaggio di errore senza importare nulla, per evitare import parziali. Questo non vale per i gruppi secondari, che invece vengono creati nell’importazione.
  • Nessun utente elencato nel file CSV dovrà esistere sul sistema
  • Nessuna directory home di quelle che si dovrebbero creare durante l’importazione dovrà essere presente

Si ricorda che per i professori, il gruppo primario a cui aggiungerli è docenti, non insegnanti o professori o altro. Quindi questo dovrà essere il gruppo primario indicato, per i professori, nel file CSV. Il nome è fondamentale perché è sulla base del nome che il sistema capisce che si sta trattando un docente e non uno studente

Il file può contenere i seguenti campi (il nome campo fa riferimento al nome usato nella interfaccia di importazione):

Nome campo Formato
Nome Nome (una parola)
Cognome Cognome (una parola)
Nome completo Nome e Cognome
Password password (evitare virgole e caratteri CSV)
Nome utente username (solo minuscole, eventuali numeri in coda)
Gruppo primario nome di un gruppo (deve esistere)
Gruppo controllore nome di un gruppo (deve esistere)
Gruppi secondari nomi dei gruppi separati da spazi
Prefisso Home pathname della directory dove andranno le home

Procedura di importazione

Per l’importazione degli utenti da un file CSV si deve usare la pagina Utenti e gruppi -> Importa da CSV, che consente di selezionare un file dalla propria macchina col pulsante Scegli file, si otterrà una visualizzazione della tabella come la seguente:

_images/browser-to-octonet-user-csv-import-loaded.png

A questo punto bisognerà selezionare le colonne che si desidera importare semplicemente trascinando le celle di intestazione nella colonna desiderata (dalle altre colonne o dalla lista di quelle non assegnate in fondo alla tabella); se una colonna non si vuole o non si deve importare, si trascini la relativa intestazione fuori dalla tabella e l’intestazione resterà deselezionata.

L’interfaccia consente anche l’eliminazione delle prime righe del file importato (solo a partire dall’inizio del file). Questo può risultare utile se il CSV ha una riga di intestazione (come quello che si può ottenere dalla conversione di un file .ldif). Per farlo occorre cliccare sulla riga corrispondente che verrà barrata, un esempio è riportato nella seguente immagine:

_images/browser-to-octonet-user-csv-import-exclude.png

cliccando sulla riga successiva potrà essere esclusa anche quella, ricliccando si rimuoverà l’esclusione (di nuovo funziona solo sull’ultima delle righe escluse, la funzionalità di esclusione si applica solo all’inizio del file).

Il campo Nome completo non si può importare se viene usato in coincidenza con Nome o Cognome, se si usano questi due campi viene creato automaticamente unendoli.

È sempre obbligatorio selezionare la colonna Nome utente, se non lo si fa l’importazione riporta un errore e non va avanti.

Se la colonna password non viene impostata gli utenti verranno creati senza password (e non potranno accedere fintanto che non gli se ne imposta una). Una volta finito si dovrà avere una situazione del tipo:

_images/browser-to-octonet-user-csv-import-reordered.png

Una volta impostate le colonne si potrà premere Carica file e se tutto è inizialmente corretto si dovrebbe vedere un popup che dice di non chiudere la finestra e di attendere la fine del processo. Questo potrebbe durare diversi minuti, o se si tratta di migliaia di utenti, anche ore (è un limite intrinseco di LDAP).

Se tutto è stato importato correttamente, alla fine comparirà un bottone per redirigere alla lista utenti, in cui si potrà verificare l’avvenuta importazione.

_images/browser-to-octonet-user-csv-import-imported.png

Importazione da un file LDIF

Qualora si disponga dell’elenco utenti in formato LDIF (che può essere ottenuto da un backup degli stessi, disponibile sotto /var/backups/slapd se si è installato e configurato fuss-backup) è possibile eseguire una conversione dello stesso usando il pulsante Converti file LDIF in alto a destra. Si può comunque ottenere un file LDIF dall’istanza corrente con il comando slapcat, con:

slapcat -v -l nome_del_file.ldif
_images/browser-to-octonet-ldif-conversion-choose.png

In questo caso si dovrà scegliere un file .ldif con il pulsante Scegli file e poi fargli generare il CSV premendo sul pulsante Genera file CSV, questo verrà generato e fatto scaricare al browser, e si potrà andare sulla pagina di importazione cliccando sul nuovo pulsante Importa il file generato.

Si tenga presente che il file così generato conterrà delle password casuali create da OctoNet, ed ha una riga di intestazione che deve essere rimossa prima dell’importazione.

Gestione quote disco

La gestione delle quote disco può essere eseguita per il singolo utente dalla sua pagina di gestione, o utilizzando direttamente l’interfaccia di gestione che compare nel menu alla voce Quote disco sulla colonna di destra di OctoNet. Cliccando sulla stessa si verrà portati su una pagina che elenca i filesystem disponibili:

_images/browser-to-octonet-quota-list-filesystem.png

Si tenga conto che la funzionalità è presente soltanto se le quote disco sono attive e configurate. Nella installazione ordinaria del Fuss Server questo viene fatto per la directory /home solo se questa è montata su un filesystem separato.

Le quote disco infatti sono applicabili solo a livello di filesystem e non per le singole directory. Questo significa anche, se i dati sono distribuiti su più filesystem, che non possono essere applicate in forma «globale» per un totale generico ma possono essere impostate solo per ciascuno filesystem in maniera del tutto indipendente.

La pagina prima elenca i filesystem disponibili indicando rispettivi mount point e la relativa occupazione di spazio disco, e ripete in fondo quelli per i quali sono abilitate le quote disco. La scelta di Fuss Server è abilitarle solo per le home, dato che è solo li che han senso, applicandosi ai dati degli utenti. Si tenga presente che se si è installato il Fuss Server usando solo il filesystem radice, esse non saranno attive.

Benché sia possibile cliccare su tutti i filesystem si otterrà una lista delle quote solo per quelli su cui queste sono abilitate, nel caso precedente home, per cui si otterrà:

_images/browser-to-octonet-quota-home-user-quotes.png

Le quote disponibili sono di due tipi, le quote utente (che valgono per il singolo utente) e le quote gruppo (applicate ai file di un gruppo), ed hanno due limiti, soft ed hard. Il primo può essere superato per un periodo di tempo limitato (il grace time, che di default vale una settimana) passato il quale verrà applicato, il secondo viene applicato immediatamente. Le quote utente e quelle gruppo sono indipendenti.

Inoltre le quote sono suddivise per spazio disco (Quota disco) e per numero di file (Quota file), ed anche queste sono indipendenti l’una dall’altra, si può cioè superare la quota sia perché si è finito lo spazio disco, o perché si è esaurito il numero di file (per cui non si potranno creare nuovi file, ma si potranno allargare quelli esistenti).

La pagina presenta di default le quote utente, si può passare a quelle gruppo cliccando sulla linguetta corrispondente. Vengono visualizzati un numero fisso di utenti o gruppi selezionabili con il menu a tendina Visualizza e si può effettuare la ricerca di un utente/gruppo specifico con Cerca.

Per modificare uno dei valori delle quote si faccia un doppio click sulla stessa, e comparirà una finestra di immissione, si dovrà specificare una dimensione in kilobytes per le Quota disco ed un numero per le Quota file e poi salvarlo; si tenga conto che occorre sempre indicare per le quote soft un valore inferiore che per le hard.

_images/browser-to-octonet-quota-setting.png

Come accennato si possono impostare anche le quote nella pagina di gestione del singolo utente, nella sezione finale della pagina di modifica dello stesso:

_images/browser-to-octonet-user-quota-setting.png

Gestione hosts

Il Fuss Server è in grado di gestire in maniera centralizzata i client facenti parte di una rete scolastica, utilizzando le funzionalità presenti nella sezione Hosts del menu sulla colonna di destra.

Gestione del DHCP

Si può accedere alle pagine di gestione del DHCP dalla voce Leases DHCP che porta automaticamente sulla pagina che elenca lo stato attuale dei leases (vale a dire delle assegnazioni MAC Address/Indirizzo IP) presenti sul server, e fa comparire nella barra in alto il menu Leases DHCP sulla sinistra.

_images/browser-to-octonet-dhcp-leases.png

alla stessa pagina si può tornare da una qualunque delle altre della sezione usando il link Leases DHCP serviti dal menu Leases DHCP.

Si ricordi che in fase di installazione del Fuss Server una delle richieste effettuate da fuss-server create è quella dell’indicazione dell’intervallo di indirizzi IP da assegnare dinamicamente, che viene memorizzato nel file di configurazione fuss-server.yaml, nella variabile dhcp_range; lo si potrà pertanto ottenere con il comando:

grep dhcp_range /etc/fuss-server/fuss-server.yaml

La pagina illustrata è solo informativa e ci dice quali assegnazioni dinamiche sono state effettuate; è possibile però impostare anche delle assegnazioni statiche (le cosiddette «reservation») usando dal menù la voce Crea assegnazione statica, che porta sulla relativa pagina di immissione:

_images/browser-to-octonet-dhcp-reservation-create.png

ed in questo modo si possono controllare gli indirizzi assegnati alle singole macchine attraverso il DHCP (la cosa può essere utile ad esempio per assegnare IP fissi ad apparati di rete come le stampanti in modo da poterne gestire l’accesso in maniera centralizzata). In genere non è opportuno utilizzare questa assegnazione per i client, che vengono gestiti direttamente dal server, ma solo per macchine ed apparati esterni.

La pagina richieda che si immetta un nome che identifichi l’apparato, il MAC address della sua scheda di rete e l’indirizzo IP che si vuole gli venga assegnato. É opportuno che quest’ultimo sia fuori dall’intervallo di IP dinamici identificato in precedenza. L’impostazione verrà salvata nel file /etc/fuss-server/dhcp-reservations.

Si tenga conto che se l’apparato è impostato per ricevere l’indirizzo in DHCP, questo verrà assegnato dinamicamente una volta accesso, ed anche se poi si effettua una assegnazione statica, questa non verrà effettuata fintanto che il precedente lease non scade. Per questo per rendere effettiva l’assegnazione statica occorre in genere riavviare l’apparato (o forzare la nuova richiesta di un indirizzo IP, se esiste una funzionalità per farlo).

Eseguita l’assegnazione si verrà portati nella pagina che elenca le assegnazioni effettuate, a cui si può accedere anche direttamente dal menu Leases DHCP con la voce Assegnazione statica DHCP:

_images/browser-to-octonet-dhcp-reservation-list.png

da questa pagina si potranno gestire anche le assegnazione presenti cancellandole col pulsante Elimina (verrà chiesto conferma in una finestra di pop-up) o modificandole con il pulsante Modifica, nel qual caso si verrà riportati nella pagine di impostazione dell’assegnazione statica, potendo però modificare solo i campi relativi al MAC address ed all’indirizzo IP (per la modifica del nome è necessario fare una cancellazione ed una creazione da capo).

Gestione cluster

Il Fuss Server consente una gestione più dettagliata di tutti i client che vengono registrati sul server con una join, quando su di essi si esegue fuss-client -a. In quella fase si può chiedere di inserire il client in un cluster, che consente di raggruppare gruppi di client.

L’elenco dei computer gestiti dal Fuss Server si ottiene selezionando la voce Computer gestiti dal menu della colonna di destra, che porta sulla pagina degli host gestiti, e rende inoltre disponibile il menu Computer gestiti nella barra superiore.

_images/browser-to-octonet-host-managed-list.png

La pagina mostra l’elenco dei client registrati sul Fuss Server (ed è inizialmente vuota) in una tabella dove viene mostrato un eventuale utente collegato sulla macchina e lo stato della stessa (se accesa o spenta) e dello schermo (se bloccato o sbloccato).

Si tenga presente che l’elenco fa riferimento a tutti i computer che sono stati registrati, anche se questi non sono più presenti. Si potrà tornare sulla lista selezionato dal menu Computer gestiti la voce Tutti gli host.

É anche possibile ottenere una lista di computer che sono stati osservati sulla rete (grazie al servizio Avahi) usando la voce del menu Nuovi computer ma si tenga conto che questa pagine contiene una lista di tutti i computer osservati, non solo quelli presenti sulla rete interna su cui sono posizionati i client.

_images/browser-to-octonet-host-newhosts-list.png

Come accennato quando si esegue fuss-client -a su un client questo viene agganciato al server, se sul server è presente un cluster, questo verrà automaticamente selezionato, e se ne sono presenti più di uno verrà richiesta la scelta di quale cluster utilizzare. Se non ne è presente nessuno verrà usato come default None ed un cluster con questo nome verrà automaticamente creato.

Pertanto è in genere opportuno creare i cluster sul server prima di eseguire la join dei client, in modo che questo possa selezionare in quale essere incluso all’esecuzione di fuss-client -a, per farlo si deve selezionare dal menu Computer gestiti nella barra superiore la voce Crea nuovo cluster che porterà nella pagina di creazione:

_images/browser-to-octonet-host-cluster-create.png

dove si potrà creare un cluster immettendo il nome nella casella Nome cluster, si tenga conto che il nome non deve contenere spazi ed per semplicità utilizzare solo lettere minuscole e numeri. Una volta creato si verrà rediretti automaticamente nella pagina di gestione del cluster:

_images/browser-to-octonet-host-cluster-created.png

e lo stesso apparirà nel menu Computer gestiti nella barra superiore, e lo si potrà selezionare per arrivare alla relativa pagina:

_images/browser-to-octonet-host-cluster-menu.png

ottenendo:

_images/browser-to-octonet-host-cluster-hosts.png

Premendo sul pulsante Dettagli cluster si può poi passare alla pagina di gestione delle macchine del cluster, da cui si possono effettuare diverse operazioni sulle macchine che ne fanno parte.

_images/browser-to-octonet-host-cluster-operations.png

Da questa con il pulsante Shutdown now si possono spegnere tutte le macchine del cluster, con il pulsante Disable internet si blocca l’accesso ad Internet delle stesse (viene creata una opportuna regola di firewall) e con il pulsante Lock screen si blocca lo schermo degli utenti collegati. È inoltre possibile inviare un messaggio agli utenti collegati (da inserire nel campo Message to send) con il pulsante Send a message e indicare un pacchetto da installare (da inserire nel campo Package to install) con il pulsante Install software.

Infine si può inserire nel cluster un nuovo client usando il pulsante Create new computer, scrivendone il nome nel campo Name of the new computer.

Gestione manuale del cluster

I dati dei cluster sono mantenuti sul Fuss Server nel file /etc/clusters il cui formato è nella forma di una riga per cluster di macchine, con campi separati da spaziature, in cui il primo campo, quello ad inizio riga, indica il nome del cluster, ed i successivi i nomi dei client che ne fanno parte.

Si tenga presente che nel collegamento ordinario al server i client vengono identificati solo per hostname (con il nome singolo, non l’FQDN completo), ma questo avviene con le versioni più recenti del client, che hanno introdotto il supporto per la normalizzazione dei nomi e la capacità di cambiare al volo l’hostname di una macchina prima di effettuare il collegamento.

Se si deve intervenire manualmente su questo file occorre avere alcune accortezze, infatti il suo contenuto viene letto da octofussd all’avvio, ed aggiornato coerentemente fintanto che si usa OctoNet o si aggiungono i client con fuss-client, ma se si opera manualmente su /etc/clusters occorre forzare la rilettura con service octofussd restart.

Qualora si voglia creare manualmente il file si possono utilizzare i dati raccolti grazie al servizio DHCP, per questo però è necessario che tutti i pc che devono essere inseriti nel cluster siano accesi. In tal caso è possibile visualizzare a schermo tutte le macchine accese con il comando:

host -l “nome dominio.local”

e da questa lista si può creare il file /etc/clusters eseguendo (sempre dalla console del server) il comando:

host -l “nome dominio.local” \
| cut -d “.” -f 1 \
| head -n -1 \
| sort \
| tr '\n' ' ' >> /etc/clusters

In alternativa possiamo estrarre, piuttosto che i nomi dei client, gli IP consegnati dal server DHCP (utile quando sulle postazioni clienti non è ancora installato fuss-client che configura dhclient per far si che i nomi dei clienti siano presenti sul DNS) in questo modo:

grep lease /var/lib/dhcp/dhcpd.leases  \
| head -n -8 \
| cut -d " " -f 2 \
| sort | uniq \
| tr '\n' ' ' >> /etc/clusters

Si possono utilizzare i dati di definizione del cluster direttamente dalla console del server con il comando:

cssh nomecluster

oppure da una postazione client, mi devo però prima collegare al server con:

ssh -X root@server

oppure:

ssh -X server -l root

e avvio cssh:

cssh nomecluster

Gestione degli host

Oltre alla gestione generale dei client che fanno parte di un cluster, si possono pianificare operazioni per le singole macchine. Si può accedere a queste operazioni cliccando sul link di una macchina dalla pagine Tutti gli host (o da quella di un cluster di cui la macchina fa parte), che porta sulla pagina dell’host richiesto:

_images/browser-to-octonet-host-singlehost-operations.png

Nella pagina vengono riportate le Azioni possibili sulla parte destra; alcune di queste (Shutdown now, Disable internet, Lock desktop, Send a message, Install software) sono le stesse già viste per le macchine di un cluster in Gestione cluster; a queste si aggiungono la possibilità di inserire la macchina in un cluster (da selezionare dal menu a tendina Add to cluster) con il pulsante Add to cluster e quella di rimuoverla da un cluster con (da selezionare dal menu a tendina Remove from cluster) con il pulsante Remove from cluster.

Infine è possibile aggiungere la macchina ad un aggiornamento pianificato (che deve essere creato in precedenza, vedi Gestione aggiornamenti) selezionando lo stesso dal dal menu a tendina Add to upgrade con il pulsante Add to upgrade, o pianificare l’esecuzione di uno degli script di gestione inseriti sulla piattaforma (anche questo deve essere creato in precedenza, vedi Gestione script) di nuovo da selezionare dal tendina Add to script run con il pulsante Add to script run.

Gestione aggiornamenti

Per la gestione degli aggiornamenti delle macchine collegate al Fuss Server si possono impostare dei job di aggiornamento usando la voce Gestione Aggiornamenti dal menu delle operazioni di destra.

_images/browser-to-octonet-host-upgrade-page.png

Questo porta nella pagina che elenca i lavori impostati, da cui è possibile impostare un nuovo aggiornamento nella sezione Crea nuovo aggiornamento, indicandone un nome nella casella di testo e cliccando sull’adiacente pulsante Crea, che ci porterà nella pagina di impostazione dello stesso.

_images/browser-to-octonet-host-upgrade-manage.png

Dalla pagina si potrà selezionare il tipo di aggiornamento dalla casella Tipo aggiornamento (con le due possibilità Aggiornamento pacchetti e Aggiornamento distribuzione che corrispondono all’esecuzione di apt-get upgrade e apt-get dist-upgrade) e selezionare le macchine da inserire nell’aggiornamento o singolarmente dalla casella Aggiungi host o per cluster dalla casella Aggiungi gruppo.

Finanto che non si inserisce almeno una macchina nell’aggiornamento non compare il pulsante verde Programma che consente di programmare l’operazione, che invece può essere cancellata in qualunque momento con il pulsante rosso Elimina. Una volta inserita una macchina nell’aggiornamento questa apparirà nella lista sulla destra, affiancata da un pulsante Rimuovi che consente di toglierla dall’aggiornamento.

Quando si è finito di inserire le macchine volute nell’aggiornamento lo si potrà programmare con il pulsante Programma, da quel momento non sarà più modificabile.

Gestione script

TBD

Gestione filtri web

Tramite la voce ReteFiltro Web nella barra laterale si accede alla pagina di gestione dei filtri sui contenuti per la navigazione, abilitandone il relativo menù nella barra superiore.

_images/wf01-filtro_web.png

Le voci di menù presenti corrispondono ai file di configurazione del programma che gestisce le regole di navigazione, documentati in dettaglio nell’apposita sezione Dansguardian della guida.

Le varie pagine contengono un elenco di voci, per ciascuna delle quali è disponibile il campo Descrizione tramite il quale fornire dei commenti sulla voce e sul motivo per cui è stata inserita.

La prima voce del menù, allowed_sites permette di gestire l’elenco di domini ai quali è sempre consentito accedere, indipendentemente da divieti imposti.

Il file corrispondente è /etc/fuss-server/content-filter-allowed-sites.

_images/wf02-siti_permessi.png

banned_extensions è un elenco di estensioni di file ai quali è proibito l’accesso.

Il file corrispondente è /etc/dansguardian/lists/bannedextensionlist.

_images/wf03-estensioni_proibite.png

banned_sites è un’elenco di domini ai quali l’accesso è sempre proibito.

Il file corrispondente è /etc/dansguardian/lists/bannedsitelist.

_images/wf04-siti_proibiti.png

Ed infine, config permette di modificare la configurazione di dansguardian stesso; in questo caso il campo Descrizione contiene il valore del parametro di configurazione corrispondente.

Il file corrispondente è /etc/dansguardian/dansguardianf1.conf.

_images/wf05-config.png

Modifiche ai filtri web

_images/wf06-edit.png

I campi delle pagine appena viste sono modificabili, oppure svuotabili premendo il tasto ✘ rosso corrispondente; nuove voci possono essere aggiunte nelle cinque righe vuote presenti in fondo alla pagina.

Perché le modifiche vengano scritte sui file di configurazione è poi necessario premere il tasto Salva, e alla fine riavviare il servizio dalla pagina principale di questa sezione perché diventino attive.

_images/wf07-restart.png

Gestione firewall

Tramite la voce ReteFirewall nella barra laterale si accede alla pagina di gestione del firewall, abilitandone il relativo menù nella barra superiore.

_images/fw01-firewall.png

Le voci di menù presenti corrispondono ai file di configurazione del programma che gestisce le regole di navigazione, documentati in dettaglio nell’apposita sezione Firewall della guida.

Le varie pagine contengono un elenco di voci, per ciascuna delle quali è disponibile il campo Descrizione tramite il quale fornire dei commenti sulla voce e sul motivo per cui è stata inserita.

Host senza accesso corrisponde al file /etc/fuss-server/firewall-denied-lan-hosts

_images/fw07-host_senza_accesso.png

Host con accesso completo corrisponde al file /etc/fuss-server/firewall-allowed-lan-hosts

_images/fw04-host_accesso_completo.png

Destinazioni consentite corrisponde al file /etc/fuss-server/firewall-allowed-wan-hosts

_images/fw02-destinazioni_consentite.png

Servizi consentiti corrisponde al file /etc/fuss-server/firewall-allowed-wan-services

_images/fw06-servizi_consentiti.png

Servizi offerti all’esterno corrisponde al file /etc/fuss-server/firewall-external-services

_images/fw05-servizi_esterno.png

Host/servizi consentiti corrisponde al file /etc/fuss-server/firewall-allowed-wan-host-services

_images/fw03-servizi_consentiti.png

Modifiche al firewall

I campi delle pagine appena viste sono modificabili, oppure svuotabili premendo il tasto ✘ rosso corrispondente; nuove voci possono essere aggiunte nelle due righe vuote presenti in fondo alla pagina.

Perché le modifiche vengano scritte sui file di configurazione è poi necessario premere il tasto Salva, e alla fine riavviare il servizio dalla pagina principale di questa sezione perché diventino attive.

Stampanti di rete

La sezione ReteStampanti di rete permette di gestire le stampanti condivise.

La pagina principale della sezione presenta l’elenco delle stampanti disponibili (ovvero «code di stampa»), con link alla relativa pagina di configurazione, ed un pulsante che permette di raggiungere la pagina di configurazione di CUPS, il servizio di gestione delle stampanti.

_images/pr01-stampanti_di_rete.png

L’accesso a CUPS è consentito a root, oppure agli utenti del gruppo lpadmin.

Avvertimento

Se si sta accedendo ad OctoNet da un computer diverso dal server, tramite tunnel SSH, il link Configura stampanti e code punterà all’interfaccia CUPS della macchina da cui si sta accedendo (se installato) e non del server.

Per accedere all’interfaccia CUPS del server si può creare un secondo tunnel ssh col comando:

ssh sshuser@proxy -L 13631:localhost:631

e dopo aver aperto Configura stampanti e code correggere manualmente l’indirizzo perché punti a http://localhost:13631/

_images/pr03-interfaccia_cups.png

Nella pagina di modifica di una coda di stampa si trova l’elenco degli host della rete locale abilitati ad accedere, con la possibilità di rimuovere host individuali dall’elenco, aggiungerne (Aggiungi host alla coda) oppure aggiungere con un click solo tutti gli host facenti parte di un cluster (Aggiungi gruppo di host alla coda).

_images/pr02-modifica_stampante.png

Aggiunta di una stampante

Per aggiungere una nuova stampante è innanzitutto necessario configurarla su CUPS: dall’interfaccia relativa selezionare CUPS for AdministratorsAdding Printers and Classes:

_images/pr04-cups_admin.png

Quindi premere il tasto Add Printer nella sezione Printers, autenticandosi con un utente che sia nel gruppo lpadmin sul server.

Suggerimento

Alcuni modelli di stampante richiedono passi aggiuntivi per la loro installazione in CUPS; per questi si veda la miniguida Gestione e installazione di stampanti e scanner.

Si otterrà una pagina con la scelta di che tipo di stampante aggiungere; nel caso siano già state trovate stampanti locali o di rete queste verranno presentate in Local Printers o Discovered Network Printers rispettivamente:

_images/pr05-cups_add_printer.png

Selezionando una stampante che sia stata già riconosciuta, verranno richieste un nome (che non può contenere i caratteri /, # né spazio), una descrizione ed una posizione fisica da visualizzare agli utenti; inoltre viene richiesto se condividere la stampante (Share This Printer):

_images/pr05-cups_add_printer_settings.png

Premendo su Continue si raggiunge la schermata successiva, in cui si seleziona il driver da usare per la stampante indicando dapprima il produttore:

_images/pr05-cups_add_printer_make.png

e, dopo aver premuto Continue il modello:

_images/pr05-cups_add_printer_model.png

Premendo Add Printer la stampante viene aggiunta e si viene portati ad una pagina dove è possibile cambiare le sue impostazioni di default:

_images/pr09-cups_default_options.png

A questo punto si può ricaricare la pagina delle stampanti di rete di octonet, dove sarà apparsa la stampante appena aggiunta:

_images/pr10-stampanti_rete_nuova.png

E tramite Modifica Host si possono abilitare host ad usarla, completando così la configurazione della nuova stampante:

_images/pr11-aggiungi_host.png

Share Samba

Creazione di uno share

Per creare uno share samba:

  • predisporre la directory sul filesystem, ad esempio in una sottodirectory di /home/SAMBA:

    # mkdir /home/SAMBA/<nome_share>
    

    ed assegnarle permessi opportuni perché gli utenti possano accedervi; ad esempio per creare una share scrivibile dai docenti:

    # chgrp docenti /home/SAMBA/<nome_share>
    # chmod 775 /home/SAMBA/<nome_share>
    
  • via octonet, andare sulla creazione di un nuovo share:

    • Cartelle Condivise → Servizio Samba nel menù laterale;
    • Cartelle Condivise → Crea Cartella Condivisa nel menù in alto;

    (si aprirà la pagina all’indirizzo /samba/create)

  • indicare:

    • nome dello share
    • path assoluto
    • eventuali parametri di accesso (guest, gruppi di utenti con accesso in lettura, in scrittura etc)

Avvertimento

I nomi degli share samba devono essere composti solo da lettere minuscole per evitare errori nell’uso successivo.

Le versioni più recenti di octonet impediscono l’inserimento di caratteri diversi nel nome dello share.

_images/samba_create.png

Test di uno share

Usare un client samba qualsiasi per provare le shares.

Da riga di comando

Ad esempio, con smbclient da riga di comando, installato su un fuss-client, si possono elencare le share disponibili sul server (e visibili all’utente in uso) con:

$ smbclient -L proxy

e ci si può collegare con:

$ smbclient \\\\proxy\\<nome della share>

usare ls per vedere i file presenti, quit per uscire, help per vedere gli altri comandi disponibili.

Con Thunar (Gestore dei File grafico)

Il Gestore dei File dei fuss-client è capace di accedere alle share samba; si può quindi usare per testarne la configurazione.

Nella colonna laterale selezionare “Esplora la rete”, quindi aprire “Rete Windows” e le successive cartelle fino ad arrivare alla share desiderata.

_images/thunar_01_esplora_la_rete.png
_images/thunar_02_rete_windows.png
_images/thunar_03_workgroup.png
_images/thunar_04_server.png

Inserire la password di un utente opportuno per verificare la corretta visibilità della share.

_images/thunar_05_password.png
_images/thunar_06_share.png