UPS

Premessa

Attualmente in varie scuole sono collegati ai server vari UPS di questo tipo, senza un setup che permetta lo spegnimento automatico in caso di una prolungata assenza di corrente elettrica.

Il setup è stato testato con collegamento USB su sistema operativo Debian Stretch (9.4 – ProxMox 5.x).

I modelli di UPS utilizzati per il test sono i seguenti:

  • UPS 800 Raptor/Groups
    ../_images/ups-raptor-groups-800.jpg
  • UPS 800 Riello
    ../_images/ups-riello-800.png

Configurazione

Installazione del programma nut (Network UPS Tools)

Lanciare il comando:

# apt install nut

Configurazione del file /etc/nut/ups.conf

Alla fine del file aggiungere:

[RIELLO]
   driver = riello_usb
   port = auto
   ignorelb
   override.battery.charge.low = 20
   override.battery.runtime.low = -1

Il nome RIELLO è una scelta come un’altra. Per i Raptor si puo mettere RAPTOR o qualsiasi altro nome.

Nota

Il parametro override.battery.charge.low = 20 è quello su cui si agisce per determinare a che stato di carica far eseguire lo shutdown al sistema operativo. Se non indicato come nell’esempio il default è il 10% ( si potrebbe aumentare il valore per garantire uno shutdown sicuro).

Nota

Per RAPTOR il driver da mettere è usbhid-ups anziché riello_usb

Fatta la configurazione lanciamo il comando:

#  upsdrvctl start

e dovremmo ottenere qualcosa del tipo:

Network UPS Tools - UPS driver controller 2.7.2
Network UPS Tools - Device simulation and repeater driver 0.13 (2.7.2)

Configurazione del file /etc/nut/upsd.conf

Qui scommentiamo la riga:

LISTEN 127.0.0.1 3493

Configurazione del file /etc/nut/nut.conf

Qui cambiamo il parametro MODE=none in MODE=standalone.

Fatto questo lanciamo il comando upsd (per avviare il demone). Dovremmo cosí ottnere qualcosa del tipo:

Network UPS Tools upsd 2.7.2
fopen /var/run/nut/upsd.pid: No such file or directory
listening on 127.0.0.1 port 3493
Connected to UPS [RIELLO]: dummy-ups-RIELLO

Nota

Nel caso che il comando dia un errore per via del fatto che c’è giá un’istanza attiva, basterá lanciare il comando:

# upsd -c reload

Verifica dello stato delle cose

Con il comando upsc seguito dal nome dato all’UPS (nel file ups.conf) possiamo monitorare lo stato dell’apparecchio. Ad esempio:

# upsc RIELLO

Possiamo per esempio vedere se l’UPS è alimentato dalla rete elettrica (ups.status: OL) oppure sta prendendo energia dalla batteria (ups.status: OB DISCHRG).

Creazione di un utente di monitoring (file /etc/nut/upsd.users)

Aggiungere alla fine del file:

[monuser]
    password = mypass
    actions = SET
    instcmds = ALL
    upsmon master

Nota

Non si tratta di creare un utente sul sistema, ma solo nel file appena visto.

Facciamo quindi un reload della configurazione con:

# upsd -c reload

Creazione di una direttiva di monitoring (/etc/nut/upsmon.conf)

Qui ritroviamo l’utente che abbiamo creato nel file precedente (upsd.users).

Alla fine del file aggiungere:

MONITOR RIELLO 1 monuser mypass master

Fatto questo, lanciare il comando upsmon.

Ad un eventuale riavvio della macchina non dovrebbe essere necessario lanciare i vari comandi (da verificare… con un ultimo test).