Installazione di Proxmox su Debian

Questa procedura si applica alle macchine per le quali non viene riconosciuto il controller RAID (ad esempio i server Fujitsu PRIMERGY TX1320 M1). Dato che l’installer di Proxmox non supporta il RAID software occorrerà usare quello di Debian, e poi passare a Proxmox una volta installata Debian. Per gli altri casi si applica la procedura illustrata nella sezione Installazione diretta di Proxmox.

Installazione di base

Si inizi con l’installazione di una Debian Stretch da CD, DVD o chiavetta USB, per la scelta dell’immagine si hanno due possibilità:

L’installazione è quella ordinaria di un sistema base Debian, ma ci sono delle accortezze da seguire per quanto riguarda la configurazione della rete ed il partizionamento dei dischi.

La rete deve essere configurata con IP statico (dovrà comunque essere riconfigurata in seguito da dentro Proxmox). Se si dispone di un solo IP pubblico e si è dietro un NAT (si presuppone che l’accesso ad internet in tal caso sia gestito da un router) l’IP della rete interna su cui vengono reindirizzati i pacchetti provenienti dall’esterno deve essere lasciato al fuss-server (se si vuole la raggiungibilità dello stesso da remoto). Si usi pertanto un altro IP nella rete interna usata dal router.

Se per esempio il router ha IP interno 192.168.112.1 ed usa la rete 192.168.112.0/24 e redirige tutto il traffico dall’esterno sull’IP 192.168.112.2, quest’ultimo dovrà essere usato sulla macchina virtuale del Fuss Server, e non si potrà usare per l’installazione. Pertanto, assumendo che si sia messo sullo stesso tratto di rete la prima interfaccia del server (si assume sia eth0) nell’installazione si potrà usare un qualunque altro IP libero della rete, ad esempio 192.168.112.102.

Per il partizionamento dei dischi occorre installare sul RAID software usando LVM, per potersi trovare nella stessa situazione in cui ci si troverebbe con l’installazione di Proxmox su un RAID hardware. Questa parte della procedura è descritta in dettaglio nella sezione Installazione di Debian su RAID software a cui si rimanda.

La procedura prevede l’installazione con una /boot separata (installata direttamente sul primo RAID1, posto su /dev/md0) con tutto il resto su un volume LVM (installato sul secondo RAID1, posto su /dev/md1). Le dimensioni delle varie partizioni e volumi logici pertanto sono le seguenti, illustrate anche nella pagina citata:

  • un primo disco RAID1 per /boot dell’ordine di 1Gb
  • un secondo disco RAID1 come volume fisico di LVM con tutto il resto dello spazio disco
  • un volume logico di swap dell’ordine di un quarto della RAM (ma non superare i 4G)
  • un volume logico per /root dell’ordine di 30/50G a seconda che si preveda o meno di installare anche l’interfaccia grafica.
  • nessun altro volume logico in fase di installazione (verranno creati dopo)

Eventuali correzioni all’installazione iniziale

Con una installazione ordinaria si dovrebbe ottenere una configurazione già funzionante, e potete passare direttamente alla sezione Preparazione all’installazione di Proxmox, ma alcuni possibili interventi di correzione post-installazione di Debian sono i seguenti:

  1. Cambiare le password di root e dell’utente locale creato durante l’installazione (es.local-fuss):

    passwd root
    passwd local-fuss
    
  2. Installare i firmware aggiuntivi, solo se necessario; copiare i firmware (*.deb) nella cartella /opt ed installarli con:

    cd /opt
    dpkg -i *.deb
    
  3. Modificare il file di configurazione delle schede di rete, questo passo è da eseguire solo se la configurazione della rete eseguita in fase di installazione all’interno dell’installer di Debian non ha funzionato correttamente, per modificarlo si apra il file /etc/network/interfaces con un editor qualunque, ad esempio eseguendo vim /etc/network/interfaces; un esempio del file è il seguente:

    # This file describes the network interfaces available on your system
    # and how to activate them. For more information, see interfaces(5).
    
    # The loopback network interface
    auto lo
    iface lo inet loopback
    
    # The primary network interface -- WAN
    auto eth0
    iface eth0 inet static
        address 192.168.112.102
        netmask 255.255.255.0
        network 192.168.112.0
        broadcast 192.168.112.255
        gateway 192.168.112.1
        # dns-* options are implemented by the resolvconf package, if installed
        # dns-nameservers 208.67.222.222 208.67.220.220 8.8.8.8
    
  4. se si è modificato il file di configurazione delle interfacce si esegua il restart dei servizi di rete con:

    service networking restart
    
  5. Modifiche del file dei repository (/etc/apt/sources.list); questo passo è da eseguire solo se occorre inserire dei repository aggiuntivi o fare correzioni rispetto a quelli installati di default dall’installer di Debian, si apra il file con vim /etc/apt/sources.list un esempio del file è:

    deb http://security.debian.org/ stretch/updates main contrib
    deb-src http://security.debian.org/ stretch/updates main contrib
    #
    deb http://ftp.debian.org/debian/ stretch-updates main contrib
    deb-src http://ftp.debian.org/debian/ stretch-updates main contrib
    #
    deb http://httpredir.debian.org/debian stretch main
    deb-src http://httpredir.debian.org/debian stretch main
    #
    deb http://httpredir.debian.org/debian stretch-updates main
    deb-src http://httpredir.debian.org/debian stretch-updates main
    
  6. Modifiche alla impostazione dei DNS; questo passo è da eseguire solo se la configurazione della rete eseguita in fase di installazione all’interno dell’installer di Debian non ha funzionato correttamente, si apra il file con vim /etc/resolv.conf, un possibile esempio (usando il server di Cloudfare) è:

    # Generated by NetworkManager
    nameserver 1.1.1.1
    

    e se ne può verificare subito il funzionamento ad esempio tramite ping ad un server noto:

    $ ping www.linux.it
    

Preparazione all’installazione di Proxmox

Una volta completata l’installazione base di Debian come descritto nella sezione Installazione di base. ci sono una serie di passi preliminari da effettuare prima di passare ad installare la piattaforma di Proxmox.

Rimuovere i pacchetti non necessari e/o dannosi

I seguenti due pacchetti devono essere rimossi con i comandi:

apt-get --purge remove network-manager
apt-get --purge remove os-prober

L’uso di network-manager interferisce con la configurazione delle interfacce, deve essere sempre rimosso, e si verifichi che non venga eventualmente reinstallato come dipendenza nel caso si installi una interfaccia grafica.

Il pacchetto os-prober è inutile e potenzialmente pericoloso per qualunque server, perché cerca di controllare il contenuto di tutti i dischi per identificare quali sono i sistemi operativi da far partire in fase di boot, compresi eventuali dischi di macchine virtuali, magari attivi o montati, per cui può causare anche corruzioni pesanti dei filesystem.

Configurare la risoluzione del nome locale

Prima di passare all’installazione della piattaforma occorre assicurarsi che l’indirizzo IP assegnato alla macchina sia risolto correttamente nell’hostname della stessa, altrimenti il servizio di pve-manager non si avvierà, bloccando l’installazione. Per questo occorre modificare il file /etc/hosts installato di default da Debian con:

  • Nella seconda riga sostituire l’IP 127.0.1.1 con l’IP assegnato al server, nel nostro caso 192.168.112.102
  • Nella seconda riga aggiungere alla fine il nome aggiuntivo pvelocalhost

un esempio del file, per la macchina server102 nel dominio dom102.bzn è il seguente:

127.0.0.1       localhost.localdomain localhost
192.168.112.102        server102.dom102.bzn    server102 pvelocalhost

# The following lines are desirable for IPv6 capable hosts
::1     localhost ip6-localhost ip6-loopback
ff02::1 ip6-allnodes
ff02::2 ip6-allrouters

Una volta fatto la modifica va verificata la risoluzione del nome locale; per la verifica della risoluzione diretta occorre eseguire il comando:

getent hosts IP.DEL.MIO.SERVER

ad esempio con la configurazione precedente si deve avere:

# getent hosts 192.168.112.102
192.168.112.102 server102.dom102.bzn server102 pvelocalhost

per la verifica della risoluzione inversa eseguire il comando:

hostname --ip-address

e con la configurazione precedente si deve avere:

# hostname --ip-address
192.168.112.102

Installare la piattaforma di Proxmox

Completate le configurazioni preliminari della sezione Preparazione all’installazione di Proxmox si può passare all’installazione.

Aggiungere i repository di Proxmox

Il primo passo è aggiungere il repository per l’installazione eseguendo il comando:

echo "deb http://download.proxmox.com/debian stretch pve-no-subscription" \
   > /etc/apt/sources.list.d/pve-install-repo.list

occorre poi aggiungere la chiave che firma i pacchetti del repository eseguendo il comando:

wget -O- "http://download.proxmox.com/debian/proxmox-ve-release-5.x.gpg" | apt-key add -

Installazione della piattaforma

Una volta aggiornati i dati del repository il primo passo è installare i pacchetti aggiornati forniti da Proxmox:

apt update && apt dist-upgrade

occorre aspettare che il download e l’installazione si completino, ci possono volere anche 15 minuti.

Installare i pacchetti di Proxmox

Una volta aggiornati i pacchetti presenti si può passare all’installazione della piattaforma installando il necessario con il comando:

apt install proxmox-ve postfix open-iscsi

nella scelta della configurazione di postfix si può rispondere «internet site».

Operazioni di pulizia

Il kernel Debian non serve più, ma quando si fanno gli aggiornamenti scarica anche quello, per cui si può rimuovere con (si verifichi quale versione è effettivamente quella installata):

apt remove linux-image-amd64 linux-image-4.9.0-3-amd64

Riavvio sulla piattaforma Proxmox

Una volta fatti i passi precedenti si può riavviare, per sicurezza si può comunque eseguire un update-grub verificando che nella lista dei kernel compaia quello di Proxmox (che ha il suffisso pve). Nel caso si sia installato Debian su RAID1 software, si verifichi che grub sia installato nel su entrambi i dischi, si può verificare la cosa (ed eventualmente correggere l’installazione) eseguendo dpkg-reconfigure grub-pc selezionando i dispositivi dei due dischi.

Una volta riavviato il server ci si potrà collegare all’interfaccia web di gestione con l’indirizzo:

https://IP.DEL.MIO.SERVER:8006

si otterrà una finestra di accesso come la seguente:

../_images/P-001.png

deve essere selezionato come «Realm», come in figura, «Linux PAM standard authentication» e ci si potrà collegare usando le credenziali dell’utente root (inserendo root come username e la relativa password nel campo «Password»).

Apparirà la seguente finestra di assenza di sottoscrizione, a cui si può dare OK senza nessun problema.

../_images/P-002.png

Finalizzazione della piattaforma

Il passaggio da Debian a Proxmox lascia alcune configurazioni da sistemare rispetto alla installazione diretta di quest’ultima. Questi i passi per effettuare gli aggiustamenti necessari.

Riconfigurare l’interfaccia di rete principale per l’uso del bridge

Ci si colleghi dall’interfaccia web e si acceda alla sezione di configurazione della rete con le seguenti azioni:

  • Cliccare sul Nodo (es.»server102») nel primo pannello
  • Cliccare su «Network» nel secondo pannello

ottenendo la schermata seguente:

../_images/N-01.png

Dalla sezione di configurazione della rete dovremo eliminare la configurazione di eth0, che verrà poi sostituita da quella di vmbr0, con le seguenti azioni:

  • Doppio click su eth0
  • Eliminare tutti i campi contenuti e premere su «OK»

la finestra dovrà risultare come la seguente:

../_images/N-03.png

salvando la configurazione della rete risulterà la seguente:

../_images/N-02.png

A questo punto possiamo passare a creare il bridge vmbr0, si prema sul pulsante «Create» e dal menu si selezioni «Linux Bridge», verrà proposta una interfaccia di configurazione in cui occorrerà riempire i campi:

  • IP address: mettere lo stesso indirizzo che si era usato per eth0
  • Subnet mask: mettere la stessa che si era usata per eth0
  • Gateway: mettere lo stesso indirizzo che si era usato per eth0 (quello del router)
  • Bridge ports: mettere eth0

un esempio di configurazione è riportato nella immagine seguente:

../_images/N-04.png

per attivare le nuove configurazioni occorre riavviare il server, lo si può fare direttamente dal pulsante «Restart».

Creare il Logical Volume del pool di dati per lo storage thin-lvm (local-lvm)

Il primo passo è verificare con vgdisplay quanto spazio disco libero è presente sul volume group di LVM (vg se si sono seguite le istruzioni precedenti):

# vgdisplay
...
  Alloc PE / Size       12782 / 49,93 GiB
  Free  PE / Size       18897844278 / 788,13 GiB
...

Verificato lo spazio disponibile si crei il volume logico data per il pool; è prudente lasciarsi un polmone di spazio disco libero per eventuali estensioni per cui non prenderemo tutto lo spazio disponibile. Nel caso il comando:

lvcreate -L 715G -n data vg

creerà un volume da 715 Gb, a questo punto si potrà marcare il nuovo volume come pool per il thin provisioning con il comando:

lvconvert --type thin-pool vg/data

Avvertimento

data è il nome del logical volume per il pool, si può usare un nome qualunque ma questo è quello usato di default dall’installer di Proxmox. Invece vg è del volume group che si è usato negli esempi illustrati nella sezione Installazione di Debian su RAID software , nel caso dell’installer di Proxmox questo è in genere pve.

Predisposto il volume logico per il thin provisioning dall’interfaccia di Proxmox (Datacenter->Storage->Add->LVM-Thin) si aggiunga un nuovo storage, verranno richiesti in una finestra:

  • ID (usare local-lvm per coerenza con il default dell’installer di Proxmox)
  • Volume group: selezionare dal menù a tendina (o scrivere direttamente quello usato, ad esempio vg
  • Thin pool: scrivere data o selezionarlo dal menù a tendina (comparirà dopo aver impostato il volume group)
  • gli altri campi non van toccati

Aggiustamenti finali

Non è necessario per il funzionamento, ma si può installare un Ambiente Desktop (xfce4) con un Display Manager (lightdm) e Terminali più evoluti di quelli di serie con il comando:

apt-get install xfce4 lightdm xfce4-terminal gnome-terminal

Come browser si può installare Firefox con il comando:

apt-get install firefox-esr